lunedì 30 aprile 2012

Elios, la città dirigibile

L'aquila, simbolo dell'ingegno,
è lo stemma della città di Elios
Elios è la città volante degli gnomi imperiali, formata da circa 12 mila navi dirigibile di varie forme e dimensioni, collegate tra di loro con funi, passerelle e reti, in continuo movimento a causa dei venti. La popolazione è di 140000 abitanti, il 98% gnomi. Ogni nave dirigibile è un'abitazione che condivide il suo ponte superiore con la città, mentre la stiva è adibita ad alloggi, laboratori, locande, edifici e così via. In questo articolo presenterò questa bizzarra città e le sue strampalate caratteristiche, lasciando a successivi articoli la descrizione dei singoli settori e clan. Prima di leggere questo articolo, se non l'avete già fatto, vi consiglio di leggervi la razza dello gnomo.
Buona lettura!!!
Struttura della città
Elios è una città di navi diribibile composta da 18 settori ognuno appartenente ad un clan differente. Le navi sono collegate le une alle altre da passerelle, tra le varie navi vi sono dei sacchi per attutire i possibili urti dovuti al vento, mentre sotto alle navi è stesa una rete di protezione per salvare chi malauguratamente dovesse scivolare di sotto. Ogni settore è autosufficiente, in quanto ogni clan ha organizzato le navi del clan che ospitano gli orti pensili, gli allevamenti di maiali, di conigli e pollame, allevamenti di bachi da seta, le cisterne per l'acqua piovana, gli artigiani, i laboratori, le guardie e così via. Elios è in sintesi composta da 18 comunità indipendenti collegate le une alle altre secondo uno schema preciso deciso ogni anno dal governo cittadino. Infatti ogni anno, il governo cittadino stabilisce l'ordine a partire dal centro dei 18 settori che compongono la città. I settori se necessario si staccano e si riattaccano componendo la nuova struttura che può essere a spirale, a cerchio, a raggiera. Ogni anno la struttura cambia e la città non è mai uguale a se stessa. Lo stesso capita per i singoli settori ogni capo clan riunito con i capifamiglia, stabilisce la nuova struttura del suo settore. Il cambiamento per uno gnomo è bello e i disagi che questo comporta sono trascurabili. Oltre ai 18 settori la città possiede degli edifici pubblici mantenuti da tutti i clan. Questi edifici sono la Voliera Grande, il Tempio dell'ingegno, il Magnifico municipio, il Museo delle meraviglie, la Casa degli scherzi, il Museo della cappelleria, l'Accademia arcana, la Prigione degli onesti, l'Arena dei clan e l'importantissima Casa del baco da seta.

Uno sguardo alla città
Arrivando a Elios con una nave volante, la prima impressione che si ha della città è che sia una grandissima confusionaria baraccopoli colorata. Le navi che la compongono sono colorate di giallo, fuxia, rosso, verde, blu, arancio, ecc, e non si riesce ad identificare un porto in quanto ogni nave potrebbe essere un punto di attracco. Se si attende un pò arriva una lancia della guardia costiera per ispezionare la nave ed accompagnare al porto desiderato o ad un attracco disponibile. Scendere ad Elios non è meno traumatico, le varie navi dirigibile oscillano leggermente e il visitatore occasionale ha la sensazione di instabilità. Attraversare le varie navi passando sulle passerelle non attenua la sensazione di disagio e servono alcuni giorni per abbituarsi a tutto ciò. Anche l'orientamento non è facile, sia perché ogni anno la città cambia forma e sia perché è facile perdersi passando da pontile in pontile. Immaginate una distesa di navi colorate affiancate e oscillanti, collegate da passerelle più o meno robuste e con sotto delle spessi reti di protezione, senza vie, cartelli e soprattutto... pullulanti di gnomi. Gnomi ovunque, con cappelli e foulard sgargianti, con un gatto in braccio o un pappagallo sulla spalla e soprattutto gnomi bambini terribili e desiderosi di fare scherzi. Un incubo per ogni visitatore. Come abbiano fatto degli halfling e qualche umano ad integrarsi in questa città è rimasto un mistero e semmai vi fosse una guerra Elios non andrebbe conquistata, ma secondo il visitatore medio andrebbe distrutta per sbarazzarsi una volta per tutto di queste pericolosissime creature. Purtroppo però se si è alla ricerca di articoli magici insoliti e rari, Elios è il posto giusto.

La vita a Elios
Elios è composta da 18 clan aventi i seguenti nomi: Bandiera, Birillo, Burattino, Coccarda, Dama, Dondolo, Fischietto, Freccetta, Giostra, Girandola, Maschera, Pennacchio, Scivolo, Sipario, Sonaglio, Trofeo, Trombetta, Trottola. Uno gnomo che da una città imperiale si trasferisce a Elios, si deve associare ad uno dei suoi 18 clan cambiando cognome. Uno gnomo che assume il cognome di un clan, da quel momento prenderà posto nel suo settore e seguirà le regole civili e fiscali di quel clan (solitamente il 50% del guadagno va al proprio clan, in cambio però si ha alloggio, un lavoro, cure, protezione). A Elios non c'è delinquenza, vi sono pochi furti (quasi sempre frutto d'invidia per un cappello o un fouland) e i responsabili vengono gestiti dal clan. Ogni clan ha le sue guardie e la sua prigione, poche stanze semivuote salvo essere occupate da qualche pecora nera recidiva o turista. Organizzazioni criminali come la Rete e le Maschere non hanno attecchito, vi sono certo degli informatori che tengono un profilo bassissimo in quanto sarebbero facilmente individuabili non essendo gnomi. Gli gnomi amano molto circondarsi di gatti e pappagalli, nella Voliera grande vi sono ben 231 specie diverse di pappagalli di cui la metà parlanti. Ogni famiglia di gnomi sfoggia più varietà di volatili e possiede svariati gatti. Mentre i ponti superiori delle navi sono pubblici, le abitazione e i laboratori artigiani sono nelle stive delle "case" dirigibile. Le chiglie sono molto profonte per permettere l'alloggio di più abitanti e laboratori. In coperta vi sono solo i negozi o le parti aperte al pubblico.
Durante la festa dell'ascesa tutti i clan di Elios concorrono a sfoggiare la mongolfiera più bella. Fino a 200 mongolfiere solcano i cieli attrono a Elios, una della quali preparata apposistamente per la festa.

Gli gnomi e le ali
Gli gnomi non capiscono ne la moda ne l'esigenza di avere le ali. Loro si piacciono così come sono. I nobili gnomi pertanto non portano le ali. Se arrivasse tuttavia un nobile alato a Elios (non gnomo s'intende) sarebbe sicuramente circondato da gnomi curiosi e disponibili ad eseguire degli esperimenti umani (se la vigilanza dei clan funziona bene è probabile che si terrà le penne, altrimenti ne perderà qualcuna).

La dieta degli gnomi di Elios
Il cibo preferito è la carne di maiale cotta e stagionata in vari modi, anche se nella dieta troviamo pesce, carne di gallina e coniglio, uova e verdura. Le navi sono trattare per resistere al fuoco e alle frequenti grigliate organizzate dai clan (una a decade).

Come raggiungere la città
La città di Elios è in continuo spostamento allo scopo di mantenere tutto l'anno un clima primaverile, ottimo per sfoggiare sempre nuovi abiti ne troppo pesanti ne troppo leggeri (un abito leggero ha poca stoffa quindi poco "vestito"). A seconda delle stagioni vi sono 4 zone del mondo in cui è possibile trovare Elios. Se volete arrivarci vi serve un buon navigatore :) Non sono molti i viaggiatori che desiderano andare a Elios, alcuni di questi sono i mercanti delle isole agricole imperiali che con gli gnomi commerciano la lana. Infatti gli gnomi essendo amanti di tessuti importano vari tipi di stoffe ed esportano la seta prodotta a Elios. Ogni clan di Elios è dotato di un ormeggio privato per il carico e scarico delle merci ma i porti ufficiali in città si trovano presso due clan: Birillo e Pennacchio.

Forma di Governo
Più che di un governo dovremo abbituarci all'idea che sia una sorta di governo di anarchici e assenteisti. I 18 rappresentanti dei clan si trovano tutti e 18 solamente in caso di pericolo nazionale o nelle riunioni in cui si decide la nuova struttura della città. Del resto governare su 12mila navi volanti e una popolazione di circa 140mila abitanti (gnomi per giunta) non è per nulla facile e i capi clan hanno un sacco di grattacapi anche senza trovarsi al municipio (viene vista quasi come una perdita di tempo).
Ogni clan elegge il suo membro più autorevole, il voto viene espresso solo dai capifamiglia siano essi maschi o femmine. Il capo clan così eletto è membro di diritto del governo di Elios. I 18 rappresentanti eleggono un governatore, un tesoriere, un ministro delle forze armate, un ministro degli esteri per i rapporti con le città imperiali. I ruoli più ambiti tuttavia sono il ministro per l'estetica e la pulizia (Si intende estetica e pulizia della città e degli gnomi; il ministro ordina il cambiamento di altitudine della città per cercare la pioggia, il tinteggiamento degli edifici pubblici e detta la moda degli incontri ufficiali) e il ministro della fauna (il ministro ordina nuovi incroci tra le razze piuttosto che il mantenimento delle razze pure degli animali domestici come gatti e pappagalli. Segue l'importazione della lana, l'andamento dell'allevamento dei maiali e la produzione della seta). Il ruolo meno ambito è il ministro per gli esteri in quanto deve spesso scusarsi per i comportamenti degli gnomi con turisti facoltosi e per il comportamento che gli gnomi hanno nelle città imperiali.
Nelle due decadi precedenti ai giorni del passaggio a Aestus il governo decide la nuova forma e struttura della città. Il Primo dei giorni del passaggio a Aestus inizia lo sganciamento dei 18 settori e nei giorni successivi il riassemblamento della città. La data non è casuale, Elios è salita in cielo ufficialmente il Primo dei giorni del passaggio a Aestus del 9 N.E. In questa data si festeggia la festa dell'ascesa, caratterizzata da una grande parata di mongolfiere colorate.


Le navi e i trasporti di Elios
Elios non possiede solo navi dirigibile ma anche piccole e veloci lance utili per il pattugliamento dei cieli attorno alla città. Per i viaggi più lungi si affida ai dirigibili militari e mercantili.
Gli gnomi sono molto portati per la magia e famosi per la loro naturale resistenza agli elementi, pertanto nonostante l'apparente fragilità dei dirigibili rispetto alle normali navi volanti dell'impero, un dirigibile di gnomi è una potenziale fonte di guai. Attaccare un fragile mercantile gnomico è insidioso quanto attaccare una nave volante imperiale, non si sa mai chi potrebbe trasportare. I Pirati preferiscono evitare di attaccare i dirigibili sempre che non abbiano informazioni precise a riguardo sulla loro potenziale pericolosità.
Come sostengono gli elfi imperiali, se gli gnomi non hanno ancora conquistato Hicaro è perché sono troppo anarchici per desiderarlo e complessi per idearlo. Forse qualche gnomo malvagio l'ha progettato, ma il suo piano prevederà almeno 50 anni per essere completato!
Elios possiede una imbarcazione dirigibile unica ad uso civile che si chiama mongolfiera, di cui potete trovare descrizione su questo articolo.
Potenzialmente ogni nave di Elios può essere considerata una nave militare, però ai fini statistici, Elios possiede 12 incrociatori. Non ha corazzate poiché gli gnomi preferiscono la velocità e rapidità di attacco alla potente corazzata. Ogni incrociatore è dotato di 8 lance militari atte al trasporto truppe per l'abbordaggio o il combattimento magico ravvicinato.
Per leggere le descrizioni delle lance usate a Elios leggi questo articolo.

INDICE DEI SOTTOARTICOLI
Leggi Elios, luoghi caratteristici
Leggi Elios,  i clan parte prima (dalla B alla D)
Leggi Elios, i clan parte seconda (dalla F alla P)
Leggi Elios, i clan parte terza (dalla S alla T)