domenica 30 dicembre 2012

Celestia, la città delle torri di cristallo

Stemma della città elfica di Celestia.
Rosa dei venti su fondo blu.
Celestia è la città elfica volante madre della tecnologia ad argon. Per ragioni politiche non è stata la prima città imperiale a spiccare il volo ed ha dovuto lasciare la precedenza ad altre (Nimphea, Vertere, Arborea). All'accademia magica di Celestia studiano le future generazione di maghi elfici chiamati Argonholma e nei suoi cantieri navali vengono affinate le tecniche di costruzione delle navi volanti. Ma Celestia non è solo la città dell'argon, è soprattutto la città delle torri di cristallo. Vi sono oltre 150 torri di cristallo alte dai 50 ai 100 metri. una per famiglia nobile con una concentrazione maggiore verso il centro città nel quartiere nobile. Le torri di giorno riflettono la luce del sole, mentre di notte risplendono alimentate da generatori ad argon, rendendo la città visibile a molte miglia di distanza. Vi sono ben 12 torri di sollevamento, un vero primato, ma attivamente in funzione ve ne sono solo 4 (tutte e 12 saranno attivate solo durante la guerra nel 62 N.E. per sfuggire alle navi imperiali umane).
In città abitano oltre 150mila abitanti di cui 130mila elfi imperiali (la popolazione totale comprensiva delle 8 isole agricole è di 220mila abitanti circa). Celestia ha perduto ogni connessione con la natura e in città non è presente nessun "Grande Albero" come ad Arborea. Tuttavia la città è pulita e bella, gli edifici sono costruiti con gusto ed ogni via è parte di una attenta pianificazione urbana. Gli elfi di Celestia sono tra i maggiori fautori del mutamento di tutti gli elfi in elfi alati considerato da tutti una naturale evoluzione della specie.

Uno sguardo alla città
Celestia è la città della simmetria, dell'ordine, del bello e dell'arte. La città ha la forma di una stella a 8 punte, mentre il quartiere più interno, quello dei nobili, è leggermente rialzato rispetto al resto della città ed ha la forma di una stella a 4 punte. Ogni settore della città è simmetrico rispetto ad un altro, le stesse torri nobiliari sono simmetriche rispetto alle altre e all'interno di ogni quartiere continua questo gioco di simmetrie. La città agli occhi di un cittadino imperiale appare aliena e innaturale, le torri di cristallo lontane dalla consona architettura, l'ordine maniacale delle strade, l'assenza di orti pensili, pollame ed odori della vita quotidiana stride con la difficoltà dei cittadini imperiali comuni a sbarcare il lunario. Gli elfi da sempre legati alla natura, in questa città hanno reciso ogni legame con essa divenendo qualcosa di differente. La città è meta di nobili e borghesi umani che la visitano a fini turistici, ma è un luogo innaturale per la maggioranza dei cittadini imperiali, compresi gli elfi di Arborea.

Struttura della città
Celestia come scritto più sopra, è una città in cui l'ordine e la simmetria maniacale dei suoi architetti hanno plasmato profondamente la sua urbanistica. La città ha un nucleo centrale a forma di stella a quattro punte rialzato 5 metri rispetto al livello della città. Questo nucleo è il quartiere dei nobili in cui sono costruite le torri di cristallo delle famiglie aristocratiche ed è comunemente chiamato il Quartiere di Cristallo. Ogni "punta" della stella possiede una torre di sollevamento per un totale di 4 torri.
La città esterna ha la forma di una stella a 8 punte (come una Rosa dei Venti) ed è organizzata in 8 quartieri tutti confinanti con il Quartiere di Cristallo. Ogni "punta" della stella possiede una torre di sollevamento (per un totale di 8 che sommate alle 4 interne fanno 12 torri di sollevamento). L'attuale struttura della città è stata progettata e definita dai governanti di Celestia e la struttura a Rosa dei venti non è casuale. Gli 8 quartieri che circondano il quartiere di Cristallo si chiamano come gli 8 venti (in senso orario): Former (Nord), Laira(Nord-Est), Ambalar (Est), Aglar (Sud-Est), Sahoora(Sud), Saiwa(Sud-Ovest), Nuumen (Ovest) e Telemna (Nord-Ovest).
Former è il quartiere commerciale e dei borghesi, Laira è il quartiere artigianale dove tra l'altro viene prodotta le splendida ceramica di Celestia, Ambalar è il quartiere dell'accademie magica, Aglar è il quartiere con il porto militare e dove gli Argonholma perfezionano i motori ad Argon e progettano nuovi vascelli, sempre in questo quartiere vi sono i laboratori in cui si costruiscono le vele solari elfiche, Sahoora è il quartiere produttivo dell'argon, Saiwa il quartiere amministrativo, Nuumen è il quartiere dell'accademia militare, Telemna è il quartiere del porto civile.
Segue la descrizione dei quartieri:
QUARTIERE DI CRISTALLO
FORMER, LAIRA, AMBALAR, AGLAR
SAHOORA, SAIWA, NUUMEN, TELEMNA

La vita a Celestia
Celestia non possiede orti pensili, pollai o altre piccole realtà agricole private e tutto il cibo viene importato dalle isole agricole. L'esigenza estetica degli elfi imperiali è la causa del maggior tallone d'Achille della città: la dipendenza totale dalle isole agricole (molto più delle altre città imperiali). Il reperimento del cibo è pertanto un pensiero fisso dei comuni cittadini anche se mascherato bene dallo sfarzo paventato. Infatti a Celestia la decadenza elfica è mascherata molto bene, nonostante lo scollamento dall'ordine naturale, il libertinaggio spinto all'eccesso, lo spreco e lo sperpero di cibo e bevande ad opera delle famiglie aristocratiche, la vita media elfica che si abbassa e i suicidi/omicidi ad opera di elfi che hanno perduto il senso della vita, agli occhi del visitatore Celestia appare splendida, gli abitanti sembrano felici e allegri, pure i normali cittadini sono vestiti bene, le strade sono pulite e l'accensione delle torri del quartiere di Cristallo alla sera è uno spettacolo unico da vedere. Ma la realtà è un'altra ed è visibile solo agli abitanti della città. Il processo di decadimento culturale, morale e sociale è iniziato seppur lentamente e il suo cammino sembra inesorabile.

Gli elfi e le ali
Tutti i nobili elfi di Celestia hanno le ali, lo stesso dicasi per i nobili non elfi residenti stabilmente ad Celestia.   Oltre ad indicare lo status è più facile per chiunque distinguere comuni cittadini o borghesi da un nobile in quanto le ali non si possono nascondere. Mentre in città come Nimphea e Vertere i nobili umani più anziani evitano di volare in pubblico per evitare di fare brutte figure, gli elfi invecchiando meglio riescono a sfoggiare le loro ali e volare anche in età avanzata. Tra le alte torri di cristallo di Celestia è comune vedere volare degli elfi. Alla sera le torri del Quartiere di Cristallo si illuminano e secondo alcuni cittadini invidiosi (non elfi) gli elfi volanti sembrano tante falene che svolazzano attorno alla luce. E' opinione diffusa tra gli elfi di Celestia che gli elfi imperiali dovrebbero tutti evolvere in esseri alati e movimento culturali di pensiero in tal senso si stanno diffondendo anche nelle altre città imperiali elfiche.

La dieta degli elfi di Celestia
Le fonti principali di sussistenza alimentare degli abitanti di Celestia  sono i prodotto ittici e le importazioni di carne, frutta, verdura e formaggio dalle isole agricole.
La flotta di pescherecci di Celestia lavora tutta la notte per assicurare ai suoi cittadini il cibo necessario alla sua sopravvivenza, protetta dalle navi militari.
I prodotti ittici sono comuni a basso prezzo e si trovano in tutte le tavole apparecchiate della città.
I prodotti di importazione come la carne, la farina, la frutta e la verdura, sono più economici rispetto ad altre città ma rimangono cibo per ricchi e difficilmente accessibili a tutti. Gli elfi amano molto mangiare frutta e verdura e questo gli facilita la gestione delle risorse rispetto alle città umane.
A Celestia non vi sono orti pensili ma solo giardini pensili a scopo decorativo. Per tale motivo Celestia dipende dalle sue isole agricole molto più di qualsiasi città volante.

Come raggiungere la città
Celestia è l'unica città imperiale elfica direttamente collegata alla capitale Imperiale Nimphea tramite una rotta navale. Celestia e la sua tecnologia ad argon è fondamentale per l'impero e tenere sotto controllo tale potere è prioritario per l'imperatore. Nei porti militari di Celestia sono stabilmente ormeggiate alcune navi imperiali ad argon sotto il diretto comando dell'imperatore. I governanti di Celestia sono consapevoli delle reali motivazioni della loro presenza, e la diplomazia è all'opera per avere un nuovo imperatore elfico a guida dell'impero. Come sapete dallo cronologia qui a lato, nel 62 N.E. Elfi imperiali ed umani entreranno in contrasto e a farne le spese sarà Claudia, la città imperiale umana confinante con Arborea. Celestia subirà gravi danni ma riuscirà sfuggire alla flotta imperiale attivando tutte le torri di sollevamento della città (ben 12). Celestia dispone di una cospicua flotta navale che pattuglia continuamente i cieli attorno all'antica città. Come per le altre città imperiali, un faro levitante visibile anche in pessime condizioni atmosferiche, indica la direzione verso cui si è spostata Celestia. Ogni nave prima di arrivare in città deve essere perquisita dalla marina militare. Poi potrà dirigersi verso il porto civile o militare a seconda della tipologia di viaggio e di trasporto. Sorvolare la città è vietato, si rischia l'abbattimento da parte di una delle moltissime navi che sorvegliano i cieli della città elfica.

Forma di Governo
Celestia è governata dall'Ordine dei Saggi di Celestia (che detiene il potere legislativo assoluto ed in parte anche quello giudiziario), un esclusivo circolo di 9 famiglie nobili (le più illustri) di lunga tradizione magica, responsabili in toto delle leggi e della vita a Celestia. I 9 saggi sono elfi anziani viziosi ed incartapecoriti che come unico obiettivo hanno il miglioramento della razza e il prolungamento della vita utilizzando strumenti magici. I 9 saggi vivono nei loro palazzi di cristallo lontano dagli elfi comuni protetti da misure di sicurezza magiche estreme, in harem viziosi, perduti nei loro pensieri e progetti senza capo ne coda. Tutti i cittadini di Celestia conoscono il nome delle 9 famiglie nobili che compongono l'Ordine dei Saggi, ma il nome dei saggi è conosciuto solo dalle famiglie stesse tanto che alcuni cittadini mettono in dubbio (velatamente) che essi esistano realmente. Nonostante i saggi non siano sempre tra di loro concordi, non esistono delle vere e proprie fazioni nel governo e le decisioni importanti sono quasi sempre all'unanimità. Oltre all'Ordine dei Saggi, la città è governata dal Consiglio dei nobili, un organo di rappresentanza del ceto aristocratico che ha la facoltà di consigliare l'Ordine dei Saggi e fare proprie le decisioni dei Saggi. E' opinione comune che il Consiglio dei nobili sia una farsa e che la sua utilità sia nulla, per alcuni è il modo in cui i saggi possono controllare le opinioni e gli umori della classe aristocratica. Altri nobili pensano che tuttavia valga la pena di parteciparvi per non perdere credito verso i saggi. Si riunisce una volta ogni 5 decadi.

Le navi e i trasporti di Celestia
Le navi elfiche a levitazione utilizzano come sistema di locomozione le vele solari più performanti delle normali vele. Le vele solari sono una creazione degli studiosi che lavorano nei cantieri navali di Celestia. Qui di seguito indicheremo le tipologie di navi volanti presenti.
Lance
Di varie forme, dimensioni ed impieghi sono le barche più diffuse ed economiche attraccate al porto civile e militare. Si muovono grazie a magie ed incantesimi.
Pescherecci
Di varie forme e dimensioni, sono tanti piccoli vascelli appartenenti alla corporazione dei pescatori.
Navi Mercantili
Seguono in generale le specifiche delle generiche navi mercantili ma con vele solari.
Corazzate ed Incrociatori
Le navi da guerra hanno le più svariate forme, le corazzate vengono utilizzate per i lunghi viaggi e utilizzano l’argon mentre gli incrociatori molto più piccoli utilizzano sia le vele solari che l’argon e sono caratterizzate da una capacità di manovra molto elevata.
Arborea possiede: 2 Corazzate, 9 incrociatori.
Per leggere le descrizioni dei veicoli civili caratteristici di Hicaro leggi questo articolo.