lunedì 10 dicembre 2012

Regni del sud

Stemma dei Regni del sud
Tre montagne che sovrastano il mare
I regni del sud (Altrimenti detti Tre Regni) sono tre regni indipendenti e più piccoli del grande impero di Hicaro che non avendo i fondi necessari per far volare le loro terre hanno incantato le loro città e campagne per farle galleggiare sull'acqua, metodo sicuramente più economico. I regni del sud prima della grande inondazione erano conosciuti come i Regni degli altopiani e si chiamavano rispettivamente Mezz'estate, Altavalle e Altolago. Erano poco più di qualche grosso borgo montano circondato da pascoli e malghe, governati da signori locali che avrebbero sfigurato sotto ogni punto di vista davanti ai nobili imperiali. Tra gli abitanti dei tre regni del sud vi è una forte propensione alla magia spontanea. Circa un 20% degli abitanti sviluppa naturalmente poteri magici minori (trucchetti vari). Le enclavi di saggi (o stregoni) ora riunite sotto l'unico nome delle Vesti Verdi, aiutano dei promettenti e selezionati giovani a sviluppare le loro doti per i fini più differenti ed utili alla comunità.Questi tre regni hanno conosciuto periodi di pace e di guerra, coalizzandosi contro le minacce comuni e bisticciando durante i lunghi periodi di pace. Hanno resistito ai tentativi di annessione dell'impero sostanzialmente per motivi geografici ed economici. Le difese naturali e i ripidi sentieri delle montagne hanno costituito un buon deterrente all'invasione mentre l'assenza di giacimenti importanti e uno stile di vita più sobrio e lento, non hanno mai attirato le attenzioni imperiali.
Tutto ciò è cambiato dopo lo scioglimento dei ghiacci, gli altopiani sono stati dapprima invasi da orde di disperati alla ricerca di rifugio oltre che attirare sapienti e maghi impossibilitati a trovar rifugio nelle città imperiali. La guerra degli eletti ha spinto molti profughi verso i regni del sud e l'ecosistema degli altopiani è stato profondamente scosso.
In questo articolo narrerò di come i regni si sono salvati ed accennerò alla loro attuale struttura ed abitanti.

LA GUERRA DEGLI ELETTI
Il primo effetto sui regni dell'altopiano della guerra degli eletti è stato il continuo arrivo di profughi dalle pianure che cercavano rifugio nelle alture e nelle montagne. Inizialmente lo spirito pacifico degli abitanti dei tre regni ha permesso l'arrivo e l'accoglienza di centinaia di profughi. Il continuo afflusso nel tempo ha comportato diversi problemi sociali e di natura economica poiché gli altopiani non erano in grado di sfamare tutta quella gente! Non tutti i profughi erano brava gente ma tra di essi si nascondevano anche banditi e ladri privi di scrupoli e ben presto si presentò un problema di sicurezza. Ad avere i maggiori problemi furono gli abitanti di Mezz'estate che per posizione geografica era la più esposta agli arrivi delle carovane. L'esasperazione dei Mezzesi (abitanti di Mezz'estate) trasformò l'iniziale atteggiamento di accoglienza in paura, rifiuto e violenza. Si chiusero le frontiere e la situazione per un piccolissimo arco di tempo migliorò fino all'uccisione di Lord Clesio, re di Mezz'estate, ad opera di alcuni banditi. Mezz'estate piombò nel caos, le guardie mal dirette utilizzarono il pugno di ferro compiendo atti di giustizia sommaria e il territorio piombò nella guerra civile. Lord Svevi, re di Altolago, a seguito della richiesta della regina di Mezz'estate rimasta vedova, dette suo figlio Uldarigo Svevi come sposo a Verena Clesio e questo permise l'intervento dell'esercito di Altolago senza provocare troppi malcontenti e riportò l'ordine nel regno di Mezz'estate. Nelle pianure al di sotto degli altopiani nel frattempo le tribu di orchi e goblin alla ricerca di riparo dalle acque si diressero verso i tre regni con l'obiettivo di conquistarli. I primi a perire sotto alla furia degli umanoidi furono i numerosi profughi rifiutati dagli altopiani e accampati ai piedi delle montagne. A seguito del pericolo dell'invasione, i tre regni si unirono sotto al comando di Lord Svevi e furono aperte nuovamente le frontiere a tutti coloro avrebbero impugnato l'arma contro gli invasori. La guerrà durò tutta la stagione di Renascentia e Aestus dell'anno 3444 a.i. (ovvero 1 N.E.) e vide il regno di Mezz'estate profondamente sconvolto e rovinato dalla guerra. Uldarigo Svevi morì nella guerra così come tanti altri valenti soldati. La guerra contro le tribù umanoidi, per la prima volta dall'inizio della Guerra degli eletti, portò i regnanti dei tre regni a fare fronte comune ed a guardare oltre l'estate successiva. La loro vita "pacifica" ed isolata era stata sconvolta definitivamente e il continuo aumento del livello dell'acqua iniziava a preoccupare. Le città imperiali di Arborea, Celestia, Nimphea e Vertere spiccavano il volo per sfuggire all'acqua, il loro altopiano sarebbe stato sufficiente e soprattutto avrebbe potuto sfamare tutti gli abitanti e i profughi arrivati o che sarebbero arrivati? Lord Svevi fu nominato reggente pro tempore dei tre regni e dette subito incarico ai maghi e ai chierici di corte lo studio di una soluzione alla loro portata economica per salvare i regni nel caso il livello dell'acqua avesse raggiunto l'altopiano.
La soluzione fu trovata da Messer Gritto, stregone di corte di Altolago e da dama Ongaria una maga stabilitasi ad Altolago anni prima. Si poteva far galleggiare magicamente borghi e boschi sull'acqua salvando così parte dell'altopiano. Il lavoro inizialmente teorico divenne un'esigenza sempre più pratica man mano che le città imperiali prendevano il volo e l'acqua copriva le pianure. L'operazione magica, che riuscì ad incantare i tre borghi principali dei tre regni, molti prati e boschi, fu completata nel 15 N.E. ma Lord Svevi non ne vide il compimento morendo di vecchiaia.
Nel 20 N.E. l'acqua terminò di alzarsi e degli altopiani rimasero solo le cime più altre circondate dai borghi e prati galleggianti. La vita dei borghi montani nel frattempo era cambiata per sempre, gli abitanti erano diventati un misto di razze e lingue differenti. I tre regni abbandonarono il loro nome per prendere il nome comune Regni del sud.

DESCRIZIONE
I regni del sud oggi (48N.E.) sono un arcipelago di isole e città galleggianti attorno alle antiche cime che hanno caratterizzato i regni degli altopiani per secoli. Vi sono solo tre grandi città circondate da prati e boschi, utilizzati per legname, riserve di caccia e l'allevamento del bestiame. Le città si chiamano come i tre vecchi regni Mezz'estateAltavalle e Altolago ma a parte il borgo interno con  il castello dei tre lord il resto della città è stato fortemente ristrutturato. In particolare Mezz'estate è la città che ha subito più cambiamenti, mentre la città di Altolago ne ha subiti di meno. Le cime delle montagne che affiorano dall'acqua sono state colonizzate e scavate e sono prevalentemente zona militare di addestramento. Ogni città ha il suo porto ed è autosufficiente per quanto riguarda acqua e cibo, in alcuni casi ottenuto magicamente. La residenza del re dei regni del sud si trova presso Cima Reale, la montagna più alta dell'altopiano, che è stata rimodellata e scavata per ospitare il castello del Re pro tempore Carlo Tolomei, figlio del defunto Lord Tolomei ex re di Altavalle. Le cime delle montagne che affiorano dall'acqua sono numerose e le navi in avvicinamento devono fare attenzione ai fondali bassi e ai pirati che si nascondono tra di essi. Il sistema più sicuro per raggiungere i regni rimane l'utilizzo di un mezzo volante. I visitatori possono sbarcare nella città di Mezz'estate entro cui devono rimanere per tutto il soggiorno salvo permessi speciali. Mezz'estate ha mantenuto il suo aspetto multietnico mentre le altre due città sono rimaste più chiuse. I cittadini hanno tutti un documento che permette loro di spostarsi tra le tre città, mentre ai visitatori dopo aver pagato la tassa di soggiorno viene dato un documento con il pass per Mezz'estate. Chi viene trovato senza documenti viene arrestato. Cima reale è considerata zona militare e non può essere visitata nemmeno dai cittadini dei regni.
Leggi articolo di descrizione di Mezz'estate
Leggi articolo di descrizione di Altavalle
Leggi articolo di descrizione di Altolago
Leggi articolo di descrizione di Cima reale
Inoltre ecco degli articoli correlati:
Enclave delle Vesti Verdi
I pirati le spade rosse
Il villaggio namor di Onde infrante

ABITANTI
La lingua ufficiale dei regni del sud è il surreno, ogni abitante lo conosce e se create un PG dei regni al posto del linguaggio comune (imperiale) dovete mettetegli "surreno". L'aspetto dell'abitante medio è un umano alto dai capelli bianchi e occhi azzurri. Con l'arrivo dei profughi la razza umana si è un pò mescolata ed ora abbiamo anche qualche biondo, castano chiaro e scuro. Gli abitanti tipici sono umani 75% seguiti da halfling 10%, mezz'elfi 10% e altre razze il rimanente 5%. I profughi si sono integrati con qualche difficoltà. I  regni non hanno una tradizione marinara e tale lavoro viene svolto prevalentemente da immigrati e figli di immigrati di seconda  generazione. I lavori tipici degli abitanti degli altopiani sono quasi tutti scomparsi in favore di altri lavori. L'abitante medio dei tre regni ha un forte risentimento verso l'impero e i suoi cittadini per la distruzione della loro terra e del loro stile di vita, tuttavia la disparità di potenza magica e militare induce gli abitanti ad esprimersi raramente sull'argomento e con diplomazia. I regni ospitano inconsapevolmente vari fuggiaschi dell'impero ed in taluni casi si è reso necessario la loro cattura per mantenere buoni i rapporti con l'impero. I namor si sono spinti fino a qui ed hanno un piccolo villaggio non molto lontano da Altolago dal nome di Onde Infrante (leggi qui), pertanto è possibile incontrarne qualcuno ogni tanto. Vera piaga sono i pirati, in continuo aumento, che ostacolano le vie commerciali marittime con le comunità libere e rubano risorse naturali (come descritto più sotto). Le leggi per l'immigrazione sono molto rigide, può sbarcare solo chi ha il denaro per poter mantenersi (paga una tassa di soggiorno di 2 muli) e nel frattempo si trova un lavoro. Non è raro trovare avventurieri in visita nei regni, infatti dopo l'impero, questi sono i luoghi più civilizzati di tutto Elden.

GOVERNO
I regni del sud sono una monarchia retta da un re pro tempore frutto degli accordi stipulati in seguito all'alleanza dei tre regni, nata per far fronte all'innalzamento delle acque. L'attuale re (48 N.E.) è Carlo Tolomei di Altavalle. Ogni regnante rimane in carica 5 anni dopo di che passa il testimone al nuovo re. I regnanti vengono scelti in quest'ordine Mezz'estateAltavalle e Altolago quindi il prossimo regnante sarà di Altolago. Le tre famiglie reali possono indicare chiunque faccia parte della loro famiglia, quindi anche un nipote o una donna, in tal caso avremo una regina. Il re ha il controllo dell'esercito in caso di guerra, ma nelle decisioni politiche interne decide il consiglio reale formato da due membri per ogni famiglia. Del consiglio reale fa parte anche il saggio di corte e stregone (Ferraius Tomasi) e l'alta chierica della Divina Verità (Lana Ariboni). Quest'ultima pur riconoscendo l'autorità celeste della sede a Nimphea, mantiene una totale autonomia soprattutto per questioni temporali. L'alta chierica Lana si sente in tutto e per tutto legata alla sua terra e non all'impero e così vale per i suoi accoliti. Ognuna delle tre città ha il suo tribunale e i suoi giudici, ma le prigioni per le pene prolungate si trovano a Cima della Verga (nome abbastanza appropriato per costruirci un carcere). Esiste la pena di morte ma non vale per tutti, come sappiamo i cittadini dell'impero devono essere processati da un tribunale imperiale e questo ha causato vari problemi diplomatici ai regni del sud che hanno spesso a che fare con delinquenti e avventurieri cittadini imperiali che cercano di sfuggire alle malefatte ricorrendo al tribunale imperiale.
I governanti dei Regni del sud fanno il possibile per mantenere i rapporti con l'impero sufficientemente cordiali, ma distaccati. Il timore più grande dei governanti è che l'impero termini le risorse e muova guerra ai regni del sud, il boccone forse più semplice da annettere se paragonato agli altri territori emersi. Tuttavia questa eventualità non capiterà poiché l'impero pur potente è diviso da troppe faide intestine che minano l'autorità dell'imperatore.
I Regni del sud dispongono di una discreta flotta navale, anche di navi levitanti e volanti, ma non dispongono di navi ad argon. I governanti negli ultimi anni hanno provato più volte a carpire i progetti di un motore ad argon al fine di costruire la loro prima nave ad argon ma non vi sono ancora riusciti. Invece a Sottocima gli stregoni delle vesti verdi hanno sviluppato ben tre prototipi di navi subacquee.

CONIO E REATI
Vista la carenza a Hicaro di materiali inerti e legno per la costruzione di abitazioni e navi, i territori dei regni del sud sono molto appetibili per ladri di legname o di rocce (pensate ai numerosi scogli, ex cime di montagne). Gli abitanti dei regni conoscono bene i desideri imperiali e sfruttano questo loro vantaggio offerto dalle risorse naturali per scambiare conoscenze magiche in cambio di materiali da costruzione. Le risorse naturali vengono tuttavia sfruttate con parsimonia, cercando di mantenere in equilibrio i rapporti con l'impero. Il pericoloso gioco che i Regni intrattengono con l'impero consiste nello sfruttare il meno possibile le loro risorse tenendo un prezzo alto senza spazientire l'impero e rischiare un'invasione. Fortunatamente i Regni sono lontani dall'impero e le loro risorse naturali non sono le uniche rimaste al mondo da sfruttare.
I tre regni dispongono di un loro conio anche se accettano monete imperiali. Le monete si chiamano:
Sassi: sono le comuni monete di bronzo;
Muli: sono le comuni monete d'argento;
Cime: sono le comuni monete d'oro;
Non esistono altri formati, però sono diffusi i lingotti descritti nelle pagine generali del blog.