venerdì 30 novembre 2012

Villaggio di superficie, descrizione dei luoghi e dei personaggi

Villaggio di superficie è un esperimento di convivenza tra namor e abitanti delle città imperiali.
E' situato nei pressi della città imperiale di Iadera ed è stato descritto nell'articolo "Villaggio di superficie".
In questo articolo vi presento i luoghi (pochi) di questo villaggio ed alcuni abitanti simbolo come l'avventuriero namor Vagabondo e la bellissima elfa del mare Notturna:

DESCRIZIONE DEI LUOGHI
Locanda del Tridente
La locanda del tridente è l'unico posto di svago e ristoro per le creature di superficie (marinai, guardie, viaggiatori). I namor non la frequentano abitualmente sempre che non abbiano da scambiare notizie o fare due chiacchiere con qualche amico che lavora alla locanda. Infatti alla locanda non servono cibo o bevande agli elfi del mare perché semplicemente i namor non consumano bevande e cibo come fanno gli altri abitanti di superficie e non usano denaro (tranne alcuni come Vagabondo). La locanda è di proprietà della famiglia nobile dei Laurenti ed è gestita da Agostino (half maschio adulto Esp4 N) e dalla sua famiglia. Vi sono due guardie fisse alla locanda, Mauro e Claudio (umani maschi adulti Guer4 LN) che pernottano all'ufficio portuale e sono al soldo di Iadera. Alla locanda è possibile acquistare arnesi da pesca, reti, arpioni e di uso comune utili ai marinai. Per gli acquisti più consistenti ci si deve rivolgere al magazzino. Agostino e la sua famiglia è in ottimi rapporti con gli elfi del mare.

Magazzino del porto
Il magazzino del porto è diviso in due sezioni, una è utilizzata per stoccare le merci delle navi che ne fanno richiesta mentre l'altra ospita materiali per la manutenzione ordinaria delle navi. Al magazzino lavorano due magazzinieri Basco (mezz'elfo giovane Esp2 N) e Adriano (mezz'orco adulto Esp7 NB). Adriano è qui da tempo, ama la vita tranquilla ed in un villaggio di namor il suo mezzosangue è quasi ignorato. Il suo apprendista Basco invece è insofferente per la noia del posto e vorrebbe andarsene e fare i soldi, non è preciso nel lavoro e Adriano spesso rimedia ai suoi malanni. Prima o poi il ragazzo si metterà in guai seri. Le guardie dell'ufficio portuale e della locanda ogni tanto fanno tappa qui per scambiare due parole e controllare che sia tutto a posto.

Ufficio portuale
L'ufficio portuale di Villaggio di superficie è amministrato dall'ufficiale portuale Lorenzo Laurenti (umano cittadino mezz'età Esp6 LB) qui relegato a passare la sua vecchiaia. E' lontano cugino di un ramo caduto della famiglia nobile dei Laurenti. Non è sposato e non ha figli, ha lavorato per molti anni al porto di Iadera dove si è inguaiato per aver segnalato qualche bustarella di un suo superiore. Tuttavia non vive questa mansione come una punizione ed ha imparato ad apprezzare la vita tranquilla del villaggio. Presso l'ufficio stazionano due guardie imperiali Maurizio (umano maschio giovane Guer2 LN) e il sergente Vercelio (mezz'elfo maschio adulto Guer6 LN). Nel retro oltre ad esserci la stanza di Lorenzo, ci sono le stanze delle 4 guardie imperiali stazionate qui a Villaggio di superficie (Vercelio, Maurizio, Mauro e Claudio). La cassaforte custodita in questo ufficio viene svuotata il 6 giorno di ogni decade.

DESCRIZIONE DEGLI ABITANTI
-Comunione capovillaggio (namor femmina mezz'età druida15 N)
Comunione è un'elfa del mare di mezza età che ha la responsabilità del villaggio. Ha pagato in prima persona il progetto di convivenza con gli abitanti di superficie, nel 41 N.E. un elfo nobile ha pagato un gruppo di avventurieri per rapire sua figlia Notturna e nel farlo hanno ucciso il figlio Delfino. Comunione ha 4 figli tutt'ora vivi, la già citata Notturna, la piccola Stella marina (l'ultima nata), Arpione e Modesto. Quest'ultimo è un druido come la madre, anche se ancora molto giovane. Problemi a parte, Comunione è dotata di molta pazienza, riceve ed ascolta gli ospiti e non è mai impulsiva. Se possibile trova un punto di accordo. Chi la conosce ritiene che sia una persona molto positiva e che infonde energia al prossimo.

-Torpedo (namor maschio adulto ranger 12 LN)
Torpedo è il migliore cacciatore del villaggio, quando non è a caccia si prende cura della protezione personale di Comunione ed è spesso il suo portavoce. E' tra i pochi namor a possedere oggetti magici utili anche a combattere fuori dall'acqua e la sua arma preferita è il tridente e la rete. Il suo nome deriva da un pesce, se non lo conoscete chiedete al primo marinaio. E' sposato con Manta una giovane guerriera che gli ha dato due figlie. Torpedo conosce varie lingue ed è abituato a trattare con gli abitanti di superficie. E' uno dei namor che hanno inseguito gli avventurieri rapitori di Notturna.

-Notturna (namor femmina giovane ranger 6 N)
Notturna è una giovane elfa del mare figlia di Comunione che a detta di molti abitanti di superficie è l'elfa più bella e formosa del villaggio. A causa delle attenzioni non richieste degli esseri di superficie ha imparato ad uscire solo di notte e pertanto ha cambiato nome in Notturna. E' risaputo che un nobile elfo imperiale aveva messo una taglia sulla sua cattura di 3000 nobili scatenando le ire dei namor. La taglia è stata ritirata dopo che una compagnia di avventurieri è riuscita a rapire l'elfa ed è stata successivamente annientata a Iadera dagli elfi del mare seminando panico tra i cittadini imperiali. I governanti di Iadera sono intervenuti personalmente per calmare le acque e fare le scuse dell'impero alla madre Comunione. Notturna non è mai stata una sprovveduta, ma ha visto morire suo fratello Delfino che si è immolato per difenderla dai rapitori. Questo episodio ha profondamente cambiato l'elfa. Se possibile evita ogni contatto con gli abitanti di superficie compreso l'innocuo Agostino. I bardi conoscono la storia ed hanno reso la giovane namor molto famosa suo malgrado e alcuni viaggiatori vengono a Villaggio di superficie per riuscire a vederla almeno una volta. Notturna in cuor suo cova un odio latente verso gli elfi imperiali e la loro decadenza e questo la porterà lontano prima o poi da Villaggio di superficie.

-Vagabondo (namor maschio adulto str14 NB)
Vagabondo è uno dei pochi namor avventurieri. E' residente a Villaggio di superficie ma ogni tanto viaggia per il mondo assieme a due amici, un umano bardo di nome Goffredo e un guerriero mezz'elfo di nome Enea residenti a Iadera. Vagabondo conosce molte lingue ed ha accumulato molto denaro, di cui ha imparato ad apprezzarne l'utilità. Nonostante sia un viaggiatore ed un avventuriero, ama fare ritorno a Villaggio di superficie per ritornare alle origini e "riappropriarsi delle sue squame" (è un suo modo di dire). Vagabondo non svolge mansioni di caccia per la comunità ma quando è presente affianca Torpedo nella protezione del capo villaggio. Ammira Comunione per come ha saputo fare fronte alle difficoltà e con lei si intrattiene spesso a raccontare ciò che ha scoperto nei suoi viaggi. Ha un debole per Notturna anche se la giovane elfa sembra avere il cuore da un'altra parte anche a causa della differenza d'età. I bardi dell'impero raccontano le sue imprese, l'avventuriero namor attira infatti molti interessi. Vi sono tuttavia delle storie che lo ridicolizzano facendo perno su alcuni stereotipi sui namor. Le storie sono buffe, a volte offensive e false, Vagabondo non potendo malmenare tutti i dardi dell'impero, ha imparato a conviverci.

Tattiche di difesa delle comunità:
Il villaggio non ha armi di difesa contro assalti di navi pirata o navi volanti, ma gode la protezione delle navi volanti imperiali di Iadera. In caso di battaglia nel suo territorio i namor abbattono le passerelle dei moli per far cadere gli aggressori in acqua e sfruttano la loro superiore capacità di combattimento acquatica per finirli.
utilizzano reti e funi per trascinare e legare sotto acqua le creature di superficie e poi li finiscono con gli arpioni. Pochi namor escono se costretti e combattono in superficie nei moli, uno di questi è Vagabondo, l'altro è Torpedo.

TORNA A VILLAGGIO DI SUPERFICIE