giovedì 28 giugno 2012

Elios, i clan parte prima (dalla B alla D)

Per descrivere la città di Elios un solo articolo non è sufficiente, sia perché gli gnomi sono una razza eccentrica e sia perché ogni anno la città cambia di forma e struttura (come descritto nell'articolo principale sulla città dirigibile). Oltre all'articolo già uscito che descrive i suoi luoghi unici e caratteristici, per completare la descrizione è necessario descrivere i clan e i luoghi che la compongono. In questo articolo prendo in esame i seguenti clan: Bandiera, Birillo, Burattino, Coccarda, Dama, Dondolo dando una descrizioni di locande, taverne, attività commerciali e altro che si trovano nel loro settore.
Buona lettura.

Prima di leggere le seguenti descrizioni, prendete in esame i nomi dei clan. Questi nomi sono tutti di oggetti o cose inerenti al divertimento. Questi oggetti sono rappresentati nello stemma del clan. Ogni clan possiede più utensili o soprammobili che richiamano il simbolo del clan, a parte ciò non c'è nessuna relazione tra il nome e l'attività del clan. Pertanto il clan Birillo non è un clan di giocolieri, ne il clan Dondolo è un clan di gnomi dallo "strano" senso dell'equilibrio

BANDIERA
Il clan Bandiera è uno dei clan più numerosi di Elios. Tra i suoi membri si annoverano viaggiatori e avventurieri che hanno esplorato le città umane ed elfiche e i territori "selvaggi". L'attuale capo clan si chiama Amilcare Bandiera (gnomo nobile non alato mezza età Ari14 N), uno gnomo insolitamente alto che ha incrementato la sua fortuna commerciando seta. E' molto piacente per uno della sua razza, non è sposato ma è sempre accompagnato da una guardia del corpo di nome Edvige Bandiera (gnoma cittadina giovane Lad 11 LN) che si dice sia la sua amante. Il clan Bandiera ama colorare i dirigibili delle sue navi casa di amaranto. Se avete sentito parlare di Pallasei, il clan Bandiera ha una delle tre squadre più forti. Il suo asso si chiama Doriano Bandiera(borghese giovane Esp8 N), un fortissimo atleta, forse il più forte di tutta Elios. All'interno del territorio del clan trovate navi laboratorio per tessere e filare la seta oltre che artigiani che riparano i telai. Segue descrizione di alcuni luoghi dei clan particolari:
  • Casa della tempesta
    Questa locanda deve il suo nome al rischio corso da questa locanda 22 anni fa: a causa di una terribile tempesta, questa locanda volante si stacco dal suo clan e venne portata in giro dai venti. Fu trovata dopo tre giorni di ricerche, in brutte condizioni ma riparabile. Su di un muro della locanda vi sono appesi alcuni effetti personali degli gnomi scampati al disastro lasciati qui come ricordo. Il gestore attuale della locanda si chiama Anacleto Bandiera (gnomo cittadino giovane Esp 6 LN) figlio del vecchio gestore che ha vissuto la terribile esperienza. Le stanze sono pulite ma essenziali, anche il cibo è buono, prezzi nella media. 
  • La tana dell'amaranto
    Questa taverna è il ritrovo abituale degli sportivi che tifano per Pallasei. Nei giorni delle partite la locanda chiude ed apre subito dopo la partita di Pallasei. Presenzia tutta la squadra e l'allenatore per cui sono riservati dei posti ed è difficile trovare posto libero. In questa taverna vengono conservati i vari trofei e il gonfalone di Elios simbolo della vittoria del campionato. Il servizio è buono, le cameriere sono veloci mentre i prezzi sono più alti della media di 1Mercante. Il suo gestore si chiama Olivia Bandiera (gnoma cittadina mezza età Esp 9 N) una gnoma grintosa e muscolosa che non ha bisogno pagare dei buttafuori per scacciare avventori rumorosi. 
  • Telai e telai
    Questo è un laboratorio in cui si costruiscono e riparano telai. Il suo proprietario Alfio Bandiera (gnomo cittadino adulto Mag3/Esp6 LM) è molto abile e non gli manca mai il lavoro durante tutto l'anno. Da lavoro a 8 operai soddisfatti della paga e del posto. Ciò che il signor Alfio nasconde è che durante le riparazioni introduce delle piccole rotture o guasti programmati più o meno a tempo che gli consentono di avere continuo lavoro. Nel corso degli anni ha perfezionato le tecniche di rottura per sollevare da lui ogni sospetto. Alfio è anche un forte giocatore di dadi (un vero e proprio dipendente), spende molto del suo denaro ai dadi nella taverna Il Viaggiatore del clan Birillo. I soldi non gli bastano mai e prima o poi farà un passo falso. Non è sposato perché nonostante la bravura e il buon tenore di vita è troppo pedante e preciso per instaurare un rapporto affettivo. 
  • La piuma dei desideri
    Questo è un negozio di piume di pappagalli e volatili in genere, con cui gli gnomi amano addobbare i loro cappelli. Chi vuole rinnovare un cappello senza cambiarlo del tutto, può portarlo qui e scegliere una nuova piuma. Vi sono piume per tutti i gusti e i portafogli. I prezzi partono dai 5 mercanti compresa la cucitura sul cappello. Ardesia Bandiera (gnoma borghese adulta Brd2/Esp5 LN) è la proprietaria di questa attività commericale e da lavoro a tre commessi e 6 sarte.
BIRILLO
Il clan Birillo ospita da tempo il Porto commerciale verso cui arrivano i viaggiatori e i mercanti che non abbiano già stipulato un accordo commerciale (gli altri si dirigono direttamente ai moli dei singoli clan). Al porto vi sono grosse navi magazzino per il carico e scarico delle merci ed uffici per i mercanti di ogni clan che voglia stipulare accordi con i nuovi arrivati. Il capo clan è l'anziana gnoma Tarsilla Birillo (gnoma nobile anziana Mag8/Ari5 N). Da anni il suo clan è impegnato nella gestione del porto e nel mantenimento dell'ordine. Tarsilla  è amante dei cappelli (ancor più di un normale gnomo) e ne sfoggia uno differente in ogni occasione. Omaggiarla con un costoso cappello originale è un buon punto di partenza per fare colpo su di lei e stringere qualche genere di accordo.
  • Ufficio della dogana
    Ogni nave che arriva a Elios deve prima venire ispezionata dalle guardie della dogana, dopo di che il capitano può recarsi di persona all'ufficio della dogana accompagnato da una guardia per ritirare il permesso di sbarco per il suo equipaggio e le sue merci. Fino ad allora nessuno può sbarcare dalla nave. Il responsabile della dogana è l'ufficiale comandante Anita Birillo (gnoma nobile adulta Mag2/Guer10 LN - D&D3E). Anita è incorruttibile e svolge molto bene il suo lavoro, è soprannominata la Lady di ferro. 
  • Il Viaggiatore
    E' la taverna più famosa per porto, qui potete trovare facilmente halfling e umani e cittadini di altre città. I bambini gnomi sono off limits e almeno qui un viaggiatore può stare tranquillo. Nella taverna con prezzi popolari si gioca molto a dadi e a freccette scommettendo mercanti e addirittura nobili. Qualche volta avviene qualche zuffa e vi sono un paio di guardie fisse che fanno la spola tra la taverna e la prigione degli onesti tutte le sere. Gestore della taverna è Fidenziano Birillo (gnomo cittadino adulto lad 6 NM) un tipo subdolo. Riga dritto poiché ha sempre le guardie in taverna, ma se non fosse per la stretta maglia di controlli intessuta dal comandante Anita Birillo, gestirebbe gli affari in maniera differente. Vive con sofferenza l'ordinarietà della sua vita e vorrebbe smuovere un pò le acque attorno a sé. Non ha capacità di andare lontano, ma prima o poi riuscirà a mettersi nei guai. 
  • Buon mattino
    E' una delle locande del porto più apprezzate da chi cerca tranquillità e privacy. Il prezzo è superiore alla media di 2 mercanti, ma il servizio è buono. La locanda è gestita da un halfling di nome Martino Birillo (Birillo è stato aggiunto s'intende, halfling borghese adulto, Lad4/Esp3, N). Martino fa parte di una famiglia di Halfling nati a Elios ed integrata nei costumi ed usi gnomici. E' abituato a trattare con visitatori stranieri ed è molto bravo a consigliare su posti da visitare, regole e comportamenti da tenere e così via. Non darà informazioni troppo confidenziali ma solo generiche su ogni cosa. 
  • Un volo al giorno
    Se desiderate fare un giro in mongolfiera in sicurezza senza rischiare di allontanarvi miglia e miglia nell'oceano questo è il posto giusto per voi. Un volo al giorno è un'attività commerciale gestita da Macario Birillo (gnomo cittadino adulto Mag2/Esp4 LB) che mette a disposizione una mongolfiera per minimo due ore fino ad un massimo di 4 al giorno. Macario guida personalmente la mongolfiera per una questione di sicurezza e non la affitterà a nessuno che non lo voglia a bordo (sempre che la cifra non sia tanto alta da potersene comperare un'altra). Un'ora di mongolfiera costa 3nobili, per 4 ore di fila Macario fa il prezzo speciale di 10 nobili. 
  • Casa dell'affare
    Negozio per avventurieri molto frequentato più per la sua posizione (al porto) che per la sua convenienza. I prezzi non sono buonissimi, ma il suo gestore, Amedeo Castrozza (umano borghese 43 anni Mag5/Lad3 LM) è molto abile negli affari proponendo sempre qualche aggiunta in più. Amedeo vive ad Elios da anni ed è consapevole di quanto può osare nell'infrangere la legge. Amedeo passa informazioni per soldi a Uguccione Giostra, uno gnomo nobile mago del clan Giostra molto potente che ama fare esperimenti magici sulle creature. Amedeo informa Uguccione su possibili obiettivi, spostamenti e pernottamenti. Se Uguccione ha la sua vittima, Amedeo percepisce dai 50 ai 150 nobili. Queste sparizioni non avvengono al porto, ma in giro per la città e le guardie di Elios sono molto allarmate.
BURATTINO
Al clan Burattino si deve il contributo di molti progettisti per le navi dirigibile. Le navi dirigibile possiedono la classica chiglia per poter ammarare, ma non possiedono alberi a vela poiché la parte superiore è occupata dal pallone aerostatico dalla forma allungata come una palla da rugby. In caso di ammaraggio e di rottura della tela, le navi dirigibile possiedono comunque delle piccole vele montabili per la navigazione marittima anche se questo rimane solo un ripiego e non possono competere con un vero e proprio vascello. Il capo clan si chiama Illidio Burattino (gnomo nobile anziano Ari17 LB) ed è proprio uno di questi studiosi progettisti che ha seguito e studiato fin dalla sua giovane età la progettazione delle navi volanti gnomiche. Il suo clan ospita quattro cantieri navali, utili sia alla costruzione che alla riparazione delle navi.
  • Cantiere navale
    Vi sono 4 cantieri navali che lavorano prevalentemente per riparare e conservare le navi esistenti (Elios è una città di navi volanti, pertanto il lavoro di mantenimento è assai impegnativo). Gli ordini di nuove navi sono oramai molto rari, anche tenendo conto della reperibilità delle risorsee lignee e non solo. I motori ad elementali si possono riparare in cantieri appositi come quello presente nel clan Giostra.
  • Macchine e artifizzi vari
    Questa nave laboratorio è il covo di Leonzio Burattino (gnomo nobile anziano Mag14 N), un mago inventore di macchine di difesa. Con l'ausilio di due golem di ferro costruisce e collauda nuove armi per le macchine e navi volanti. Particolarmente vario è il suo assortimento di progetti inutili e complessi, per fare un esempio c'è una ballista a ripetizione che occupa quanto il ponte di una nave o proiettili per catapulta soporiferi che quando sono stati testati hanno addormentato i collaudatori. Tuttavia Leonzio ha fama di essere una grande studioso e il suo motto è "non è il risultato che conta l'importante è provarci". Leonzio è sempre interessato a nuovi progetti e macchinari soprattutto se reperti del vecchio mondo. A volte commissiona a degli avventurieri la ricerca di qualche artefatto. 
  • Locanda dal carpentiere
    Il nome è presto detto, il proprietario della locanda non è un carpentiere, ma la locanda si trova vicino ad una carpenteria. Nelle varie configurazioni utilizzate dal clan, locanda e carpenteria sono riuscite il più delle volte a rimanere vicine rappresentando di fatto un punto di riferimento per l'intero clan. La locanda è proprietà della signora Berenice Burattino (gnoma borghese adulta Esp 5 LN) che l'ha ereditata dal padre. E sposata con 5 figlie e tutta la sua famiglia lavora nella locanda. Berenice è un'assidua frequentatrice della Chiesa dell'ingegno e se non la trovate alla locanda può essere trovata in chiesa. E' una pettegola di prima categoria ed è molto informata sui gossip di Elios.
COCCARDA
Il clan dei coccarda si può facilmente distinguere in quanto tutte le sue navi hanno i dirigibili color giallo e nero. Questi sono anche i colori della squadra di pallasei per cui tutti i coccarda fanno un tifo sfegatato. Nonostante la passione, la loro squadra è quella che ha vinto meno di tutte. Alle partite nell'arena dei clan, i coccarda si distinguono per fare un tifo smodato ed eccessivo con qualche caso di violenza. Capo della tifoseria è lo stesso capoclan Guiscardo Coccarda (gnomo nobile adulto Ari 10 N) dal carattere acido e rissoso, fortunatamente innocuo. Tra le navi del clan Coccarda vi sono molti sarti abili a confezionare degli ottimi foulard, accessorio molto in voga tra gli gnomi.
  • La fucina degli eroi
    Questo è il club sportivo esclusivo per i tifosi del clan dove si possono ritrovare e discutere sulle prossime strategie "sportive". Gli altleti della squadra e il capo tifoseria hanno ingresso gratuito (la nave è sua!) mentre gli altri devono avere la tessera del tifoso (costa 5 nobili all'anno). All'interno viene custodito gelosamente l'unico trofeo vinto 5 anni fa dietro una teca a prova di ladro. La fucina è anche palestra per gli atleti e taverna per i tesserati dove si serve dell'ottimo sidro. Il capo tifoseria nelle sere in cui la squadra ha vinto, ama pagare qualche bardo percussionista per allietare la serata. 
  • Occhi d'oro
    Questa è una casa di gioco di proprietà del più ricco borghese di Elios, Dagoberto Coccarda (gnomo borghese mezz'età Lad11 N) amico di Guiscardo e di molti nobili di Elios. La sua casa da gioco è esclusiva per nobili (e raccomandati dai nobili) e borghesi che vogliono passare una serata in allegria al tavolo da gioco con belle donne (gnome, halflig, mezz'elfe e umane), in un ambiente sicuro senza tagliagole, protetti da guardie addestrate. Nei vari privé i nobili e borghesi dei clan stringono accordi commerciali, discutono di cappelli, foulard, e anche di politica. Non è una casa per appuntamenti anche se qualcuno trova anche quel passatempo, piuttosto è uno dei "salotti" di Elios dove vanno le persone che contano con cui è possibile parlare sempre che siano disponibili. Per Dagoberto lavorano 19 bari i quali hanno come compito di spillare ai clienti il giusto senza esagerare. A volte pertanto concedono, altre volte tolgono. I suoi bari hanno anche il compito di sorvegliare che tra gli ospiti non vi siano bari altrettanto bravi ed allontanare gli ospiti indesiderati. Per entrare nella casa da gioco si deve cambiare 50 nobili in fiches e pagare l'ingresso di 10 nobili. 
  • Il maggiordomo
    Questa è una taverna gestita da un halfling di nome Guerrino Coccarda (il cognome è stato aggiunto, halfling borghese mezz'età Lad9 LM) che in passato è stato un servitore in una importante famiglia di Nimphea. Ha rubato, ha ucciso e si è trasferito ad Elios 8 anni fa cambiando nome e cognome per far perdere le sue tracce. Ha iniziato a lavorare presso questa taverna che aveva il nome di Rosa dei venti, dove ha cambiato il testamento del suo proprietario che in seguito ha eliminato ereditando tutto. Guerrino ha il pregio di avere un viso angelico e aver ricevuto una buona educazione grazie alla quale sa come gestire i rapporti umani. Grazie alla sua faccia tosta è uscito dalle situazioni più pericolose, aiutato anche da una elevata intelligenza. Guerrino è un piccolo genio del crimine e sta organizzando una rete di ladri a Elios. 
  • Fiore all'occhiello
    In questo laboratorio artigiano vive e lavora è uno dei migliori sarti di foulard di Elios. I suoi foulard costano dai 5 nobili in su a seconda dell'occasione e della guarnizione (un foulard con fili d'oro può costare sui 32 nobili). Si chiama Berardo Coccarda (gnomo cittadino adulto Mag1/Esp8 LB), andate a trovarlo e comperate da lui un buon foulard :)
DAMA
In questo clan sono presenti altri due cantieri navali e varie tintorie per la seta. I dirigibili del clan sono verdi mentre le chiglie delle navi sono rosse. Questo è l'unico clan con le chiglie colorate. Il suo capoclan si chiama Berenice Dama (gnoma nobile mezz'età LN - Ari7/mag7 D&D3E - Mag14/Mecenate D&D4E) una gnoma che si interessa d'arte, pittura e scultura in particolare. Offre lavoro a vari artisti per addobbare le navi di sua proprietà. La sua nave è il "salotto buono" di Elios dove si riuniscono, una sera a decade, le persone più influenti di Elios per prendere un the, ascoltare buona musica, sorseggiare del sidro e parlare di matrimoni illustri. Berenice è un'amante degli scherzi e spesso ne compie ai suoi ospiti.
  • La corda d'oro
    Questa locanda di lusso ha solo stanze singole o matrimoniali con bagno in camera. Il servizio è ottimo e la discrezione è la regola della casa. Ogni stanza ha attigua una stanza per i servitori o guardie del corpo personali, mentre l'intera locanda è sorvegliata da guardie private. Nobili o facoltosi borghesi in visita alla città alloggiano qui sempre che non siano ospitati da qualche famiglia di Elios. Il costo giornaliero di soggiorno è di 50 nobili a testa, mentre i servitori pagano 10 (sempre a carico dell'ospite). Il gestore di questa locanda è Valerio Pisani (mezz'elfo, borghese adulto Bard2/Esp6 LN) che assieme ad una combricola di velocissimi halfling, non fa mancare nulla ai suoi ospiti. Valerio è molto attento nell'assumere il personale, poiché trattando con nobili ed influenti visitatori, il personale deve essere addestrato nell'etichetta del ricevimento. Anche le sue guardie del corpo sono selezionate per discrezione, capacità e onestà. E' sempre alla ricerca di nuovo personale e paga bene.
  • Il Calabrone Verde
    Il nome di questo negozio alchemico dal colore verde deriva dal soprannome del suo proprietario detto il "calabrone", uno gnomo logorroico che ha la capacità di sfinire a parole i suoi interlocutori. Purtroppo per voi, il calabrone è il miglior alchimista della città e questo è evidente pure dai prezzi. Le pozioni o le misture vengono preparate in meno tempo e, a richiesta, in modo più efficacie dei suoi diretti concorrenti (non è l'unico alchimista cittadino). Il vero nome del calabrone è Ursino Dama (gnomo nobile anziano Mag16 N), è senza moglie e figli e l'unica sua passione è l'alchimia. Non esce mai di casa e commissione spesso il ritrovamento di erbe rare o particolari ingredienti. A questo proposito è risaputo che alcuni ingredienti si trovano solo nei territori del fuoco e nei territori degli elfi selvaggi ed è disposto a pagare fino a 1000 nobili per averne nella misura sufficiente alle sue pozioni.
  • Cantieri navali
    Vi sono due cantieri navali nel territorio di questo clan che si occupano della normale manutenzione delle navi della città. In particolare sono specializzati nella conservazione  della struttura lignea. Uno dei cantieri si chiama il sole mentre l'altro la luna. In quest'ultimo lavora Tecla Dama (gnoma cittadina adulta Lad5/esp1 LM). Durante le manutenzioni di navi di altri clan prende nota della planimetria delle navi, dei sistemi di sicurezza e dei possibili luoghi dove possono essere contenuti tesori. Passa queste informazioni ai suoi 6 fratelli, tutti abili ladri o "topi di nave". I furti non avvengono mai appena terminato il lavoro di restauro ma sempre qualche mese dopo per non generare sospetti. La scelta di colpire navi di altri clan è dettata dal buon senso di non lasciare troppe tracce vicino a loro. I Topi di nave non sono assassini ma abili ladri (il più forte è di 10 livello) che utilizzano sia l'arte del furto e sia della magia per compiere i loro colpi.
  • Manici di scopa
    Questo è un negozio magico per maghi ed avventurieri che prediligono le arti arcane. E' gestito da Tre fratelli gemelli soprannominati "i gemelli dama" che si chiamano Onofrio Dama (gnomo adulto Mag12 LN), Otello Dama (gnomo adulto Mag14 LB), Ovidio Dama (gnomo adulto Mag15 N). Onofrio è un esperto di bacchette e bastoni magici, Otello è un esperto di oggetti meravigliosi e storia degli artefatti, mentre Ovidio è esperto di incantesimi e di rituali (tutti e tre compatibilmente con il loro livello). I gemelli dama hanno un altro interesse, l'aldilà. Sono interessati agli studi che concernono l'apertura del tunnel attraverso il Manto, senza tuttavia voler operare sacrifici umani. Ovidio ha raccolto numerosi libri magici del passato sull'argomento, alcuni dei quali blasfemi e raccapriccianti ed è interessato ad altri reperti.
DONDOLO
I Dondolo hanno molte navi dedicate all'allevamento dei bacchi da seta. I loro dirigibili hanno un colore giallo intenso. Messalina Dondolo (gnoma nobile adulta mag16 LB) è la capoclan dei Dondolo ed è una grande maga divinatrice. Fervente credente della chiesa dell'ingegno, collabora attivamente con la chiesa per il raggiungimento del grande fine. Sovvenziona iniziative atte ad attirare nuovi fedeli e combatte l'ateismo diffuso a Elios tra molti gnomi. Ne risulta che il suo clan annovera tra i suoi membri molti fedeli della chiesa, anche di circostanza per aggraziarsi la gnoma.
  • Domani è un altro giorno
    Isotta Dondolo
    (gnoma nobile adulta mag 16 LN) è cugina di Messalina e assieme a lei è la migliore diviniatrice di Elios. Isotta non ha necessità di lavorare ma tiene aperta questa attività di indovina e predizioni per passione. Una sua predizione parte dal costo di 1 nobile ma non sempre si fa pagare. Il suo forte carisma e le sue piacenti curve la portano a strafare e non sempre ciò che predice è frutto della sua magia ma piuttosto della sua intuizione. Isotta in combutta con Messalina, a volte inducono alcuni alcuni avventurieri a compiere delle missioni "sospinti dal fato", missioni che tornano utili alla chiesa dell'ingegno. 
  • O di là o di qua
    Servizio funebre a buon mercato, a Elios non vi sono cimiteri poiché gli gnomi cremano le salme e raccolgono le ceneri in apposite urne. Questo becchino dispone di un motore di un dirigibile modificato appositamente per cremare le salme. Festo Dondolo (gnomo borghese adulto Mag 7 LM) svolge il suo lavoro con perizia e precisione proponendo varie soluzioni e urne di qualità. Festo è in combutta con qualche mago studioso dell'aldilà e negromante smaltendo cadaveri o procurando corpi freschi. Per esempio smaltisce alcuni cadaveri per conto di Uguccione Giostra e non solo per lui. 
  • La casa dei pensieri
    Questa è una biblioteca privata, ma non di scritti magici ma bensì di libri. Oltre a varie copie dei testi sacri si trovano anche varie carte topografiche di Elden prima della catastrofe consultate soprattutto da avventurieri in cerca di città e tesori sommersi. Ricca è la sezione sulla storia di Elden e c'è pure una nuova sezione dedicata alla vita romanzata degli avventurieri del passato, un bardo potrebbe farci un giro per leggere qualcosa di nuovo. Gestisce il luogo Agata Dondolo (gnoma borghese anziana Bard12 N) ottima suonatrice di Arpa. Ama suonare il suo strumento preferito come sottofondo mentre i lettori accedono alla biblioteca. L'accesso costa 2 Mercanti, richiedere una copia di una pagina da uno scribacchino 3 Mercanti (circa un'ora di lavoro). Vi sono 2 scribacchini disponibili. 
  • Ancora una volta
    Questa taverna affollata è molto apprezzata da coloro che cercano non solo una buon sidro da sorseggiare ma anche dei bravi bardi da scoltare. Recitazione, canto e buona musica rallegrano le serate degli avventori che desiderano anche fare 4 salti ballando sopra i tavoli. Non parliamo di un ritrovo per nobili s'intende, ma di una allegra taverna alla portate della tasche di tutti. le armi vengono lasciate fuori e pertanto è poco frequentata dagli avventurieri (è risaputo che gli avventurieri viaggiano sempre equipaggiati come degli alberi di Natale e non entrerebbero mai in una taverna di gnomi disarmati). Gestisce la taverna Berenice Dondolo (gnoma cittadina adulta Esp5 N) assieme alla sua numerosa famiglia.
TORNA A ELIOS