martedì 24 dicembre 2013

L'isola Galleggiante di Altavalle

L'isola galleggiante di Altavalle fa parte dell'arcipelago di isole conosciuto come Regni del sud. I suoi cittadini in origine erano persone miti che amavano farsi gli affari loro. I cittadini di Altavalle infatti sono l'anello di congiunzione tra due caratteri e modi di affrontare la vita estremi, gli schivi abitanti di Altolago e gli estroversi abitanti di Mezz'estate. Erano considerati dalle comunità montane come l'orso in letargo da non disturbare. Il cataclisma ha cambiato non poco il loro modo di vivere e la frustrazione di questo cambiamento è stata rivolta verso le città imperiali. Tra gli abitanti di Altavalle si contano il maggior numero di reclute nell'esercito dei Tre Regni e tra i suoi cittadini serpeggia un pericoloso desiderio di vendetta.
Per volere del defunto stregone di Altolago Messer Gritto, creatore della magia di galleggiamento delle isole, Altavalle riveste un ruolo importante nella formazione delle future generazioni di stregoni surreni in quanto ospita l'Enclave delle Vesti Verdi. La scelta di unire le tre scuole magiche in una sola e fare di quest'isola la sua sede principale è stato uno dei tanti tentativi politici messi in atto per avvicinare i cittadini dei Tre Regni.
Ma Altavalle è importante per un altro motivo, nel 49 NE diventa la prima isola/città con la capacità magica di immergersi. Questo prodigioso esperimento è stato possibile grazie agli esperimenti condotti da Ferraius Tomasi sui rituali idrorepellenti. La presenza dell'enclave in quest'isola ha permesso il difficile esperimento, favorito dalle frontiere chiuse dell'isola. Ricordiamo infatti che solo l'isola di Mezz'estate accetta visitatori stranieri, mentre non è così per le altre isole dei Tre Regni del Sud.
Per le descrizioni delle altre isole visitare le pagine a loro dedicate (nelle righe precedenti avete abbondanza di link), in questo articolo descriveremo i luoghi principali dell'isola.

DESCRIZIONE DEI LUOGHI IMPORTANTI DELL'ISOLA
Prima del cataclisma il villaggio di Altavalle era costituito da un borgo di 7000 anime e da varie contrade e nuclei famigliari isolati che potevano contare dai 10 ai 100 abitanti. L'inverno era freddo ma non rigido e gli abitanti potevano rimanere isolati nelle contrade qualche giorno. La popolazione viveva prevalentemente di agricoltura, pastorizia e caccia. Altavalle era famosa per il suo miele, molto apprezzato anche dalle comunità vicine. Ogni anno la comunità festeggiava la festa del miele la seconda decade di Aestus. I giovani si ritrovavano nella piazza del paese per conoscersi ballando l'antico ballo delle api approfittando della temperatura estiva. Durante questa festa venivano concordati i matrimoni tra le famiglie.
Anche ora dopo il cataclisma queste tradizioni sopravvivono. Con caparbietà la comunità ha difeso il proprio stile di vita e le proprie tradizioni, ma i profondi cambiamenti climatici hanno mutato per sempre il loro approccio alla vita.
I matrimoni si celebrano ancora durante la stagione di Aestus, ma oramai gli incontri amorosi avvengono durante tutto l'anno e gli anziani si lamentano di un aumento della promiscuità tra i giovani.
Di seguito troverete la descrizione del Borgo (la comunità principale), e della Contrà del porto, non saranno invece descritte le 9 piccole contrade della valle.

CONTRA' DEL PORTO
Questa contrada è l'unico porto dell'isola galleggiante. E' situato a 1km dal Borgo ed è costituito da nuove costruzioni.
Vi sono 4 moli, alcuni magazzini per lo stoccaggio delle merci, una locanda e una postazione di guardia.
Il capitano delle guardie è Tullio Opocher (umano maschio adulto Cond10 LN), un bravo comandante e ottimo leader. Grazie a lui il porto funziona bene, le persone e i lavoratori collaborano e soprattutto tutto è tenuto sotto controllo. Se entrano delle merci illegali o spie ad Altavalle non lo fanno per il porto. Il capo degli scaricatori di porto è Agostino Berengario (umano maschio adulto Esp4 LB) un uomo con un alto profilo morale, molto religioso, ligio nel lavoro. Agostino è nipote dello stregone Giordano Berengario al quale non esita di comunicare tutto ciò che vede e passa per il porto. Parla 4 lingue (alari, imperiale, gnomico, surreno).

Locanda del marinaio
Dal nome abbastanza comune, questa è l'unica locanda del porto e forse la più frequentata dell'isola. Al suo interno si possono spesso incontrare militari in licenza al ritorno da Cima Reale che passano di qui per bersi un bicchierino prima di andare dalla famiglia. Se siete cittadini di Altavalle è un ottimo luogo per raccogliere informazioni, ma se siete stranieri regolari o i cittadini delle altre due isole non sarete visti di buon occhio a ficcanasare. La locanda è di proprietà della famiglia Tolomei e gestita da Petra Opocher (donna umana adulta Esp4 N, bonus car +4) parente del capitano delle guardie. Petra è una donna piacente ma non bellissima, spesso corteggiata dai militari e che raccoglie le confidenze di molti viaggiatori che si fermano alla sera a bere un bicchierino. Girano varie voci su di lei, per lo più fantasie sessuali dei marinai, ma nessuno può confermare se siano vere. Petra non è sposata, gioca molto con il suo fascino, ma non ama la maggioranza degli uomini che raggira abilmente. Non ha desideri di potere e rimane fondamentalmente una persona sola che non ha ancora trovato un compagno e forse non lo troverà mai.

Ufficio immigrazione
L'ufficio immigrazione è costruito a lato della locanda del marinaio ed ha l'importante compito di convalidare  il visto di sbarco dei visitatori. L'ufficiale più alto in grado è Normanno Cima (umano maschio anziano G6 LN) un guerrafondaio a cui sta stretto il suo posto di lavoro. Se fosse per lui i Regni del sud avrebbero dovuto da tempo muovere guerra all'impero. Alla locanda non perde mai occasione di parlare male degli imperiali e di cosa farebbe loro se ne avesse l'autorità.

IL BORGO
Il villaggio di Altavalle è chiamato dai suoi abitanti il Borgo. E' costruito attorno alla piazza del paese su cui si affacciano il municipio, l'ufficio delle tasse, la torre di guardia, la chiesa della Divina Verità. Presso il borgo si possono trovare varie case appartenenti alle famiglie importanti di Altavalle come i Tolomei, i Berengario e gli Opocher. Il chierico del Borgo si chiama Lorenzo Tolomei (umano maschio anziano C11 LB) zio dell'attuale re dei Tre Regni Carlo Tolomei. Presso il borgo si trova l'Enclave di Altavalle e l'Enclave delle Vesti Verdi. Dedico due righe al matto del borgo, Ottavio Nebbia (Umano maschio, adulto Str4 CB), nato nel 4 NE e ottavo di 10 figli. Fin dalla tenera età ha manifestato poteri arcani spontanei che l'infante non sapeva controllare e che provocarono alcune ferite serie ai suoi famigliari. Per tale motivo gli stregoni di Altavalle con l'approvazione del re, decisero di intervenire per rimuovergli i poteri arcani. L'operazione di recisione arcana è una pratica conosciuta che provoca la demenza precoce. Ottavio da potenziale bambino prodigio divenne un bambino ritardato. Al borgo è conosciuto e voluto bene da tutti, sia per la simpatia, sia per l'allegria e anche per un pò di compassione. Nessuno è al corrente che i poteri di Ottavio si sono rimanifestati e l'uomo, nonostante il ritardo mentale, tiene questo segreto gelosamente per se.

Caserma
La caserma dove si allenano i soldati di professione e i cittadini di Altavalle è posta tra l'Enclave di Altavalle  e il palazzo della famiglia Tolomei. La caserma può ospitare fino a 120 guardie, ma di giorno ne sono presenti solamente 25. Presso la caserma si trova il cortile d'arme dove avvengono gli allenamenti, la stalla con i cavalli e i carri, un pozzo (divenuto magico dopo il cataclisma come gli altri pozzi del luogo), un fabbro armaiolo e l'armeria. I cittadini maschi di Altavalle si allenano a turni durante l'intero anno e compongono la vera forza militare del villaggio. La tradizione vuole che gli altovallesi siano degli ottimi lottatori e preferiscano il combattimento corpo a corpo. In mischia amano combattere con asce pesanti e da lancio e girino sempre con gli scudi per pararsi dalle frecce. Il comandante della caserma è Pietro Berengario (umano maschio adulto G12 LN) un ottimo comandante che ha preparato i suoi uomini al combattimento tra le vie del borgo e i sentieri dell'isola (valle) sfruttando molto bene la conoscenza del territorio (ai fini statistici le guardie di Altavalle possiedono un bonus di +2 all'iniziativa, alla CA, ai TxC e ai danni).

Corporazione degli apicultori
La corporazione degli apicultori è vecchia almeno quanto l'enclave di Altavalle e riunisce tutti gli apicultori della valle. La corporazione è nata per difendere gli interessi degli apicultori ed è stata grazie a lei che è sorta la festa del miele, la ricorrenza più antica della valle. All'interno del suo palazzo vi sono le testimonianze di secoli di tradizione e vengono conservati i nomi di tutti i suoi aderenti fin dalla sua nascita. Si tiene una riunione nella prima decade di ogni mese (quindi 4 in un anno secondo il calendario), ma ve ne possono essere altre in caso di emergenza, come la famosa peste delle api, una vera e propria piaga che ha colpito ben 3 volte dal cataclisma in poi (nel 8 NE, nel 18 NE e nel 36 NE). L'attuale capo della corporazione si chiama Osvaldo Opocher (umano maschio adulto Esp6 LN) e per diritto ha un seggio in consiglio comunale. Osvaldo è un montanaro tutto tondo, braccia grosse, villoso, mascella squadrata e testa dura.

Giovanna Berengario
Enclave di Altavalle
Frequentano l'enclave tutti i bambini dell'isola dotati di poteri magici spontanei fino all'età di 11 anni. I migliori dopo il 12° anno di età vengono inviati a studiare all'Enclave delle Vesti Verdi, mentre i rimanenti (la maggior parte) viene istruita ad una specializzazione che sarà loro utile per guadagnarsi da vivere.
Il responsabile della loro istruzione e selezionatore degli studenti meritevoli è Giovanna Berengario (umana femmina adulta Str12 NB), figlia dell'alto stregone Giordano Berengario che ha ereditato dal padre la stessa cocciutaggine e rigorosità. L'enclave è situata nei pressi della caserma e viene sorvegliata giorno e notte da 8 guardie e dagli stessi insegnanti. Oltre alle aule e ad un locale adibito a Mensa, l'enclave possiede anche un dormitorio per ospitare i bambini delle contrade che alla sera non tornano a casa.

Enclave delle Vesti Verdi
Questa enclave è stata descritta in abbondantemente in questo articolo. Qui aggiungiamo solo la sua locazione a pochi passi dal centro in direzione Contrà Sella (non descritta).

Locanda dell'enclave
Questa struttura di proprietà della famiglia Tolomei è l'ultima abitazione del borgo prima di raggiungere l'Enclave delle Vesti Verdi. E' sorta per ospitare i cittadini dei Tre regni che per lavoro o altro si devono recare all'enclave. Siccome l'enclave non ha molti posti letto extra, la locanda si è resa necessaria fin da subito. E' gestita da un halfling di nome Rosetto e dalla sua famiglia. Una volta al giorno una guardia passa a ritirare una copia del registro degli ospiti e per verificare sia i loro documenti e motivo del viaggio. Rosetto possiede una giovane figlia di nome Adelina che ha manifestato poteri arcani spontanei e per tale motivo studia all'enclave di Altavalle.

Palazzo Tolomei
Palazzo Tolomei è una grande abitazione alpina recintata con un piccolo muro. Qui abita da sempre la famiglia Tolomei, signori di Altavalle. All'interno del muro di cinta c'è una stalla, un pozzo, un fienile e un posto di guardia. Palazzo Tolomei è la casa natale dell'attuale re protempore dei Tre Regni. Qui vi abita ancora l'anziana madre non autosufficiente al quale il re è legatissimo. Il re non abita qui ma a Cima Reale, almeno fino a quando rimarrà in carica. Palazzo Tolomei si è munito del muro di cinta solo dopo il cataclisma, prima di tale evento non è mai stato necessario proteggere la famiglia reale della Valle. L'interno dell'abitazione è rustico, sobrio ma tenuto bene, in linea con lo stile di vita degli abitanti della valle.

Residenza Berengario
Questa è la residenza dove vive da molte generazioni la famiglia Berengario e l'attuale alto Stregone di Altavalle Giordano Berengario (una sua presentazione la trovate qui). La residenza è stata ristrutturata più volte nel corso delle generazioni, ma le maggiori modifiche le ha apportate Giordano dopo il cataclisma. Per il gusto e l'estetica degli abitanti della valle, la residenza Berengario è la casa più bella dell'isola. Non manca nessuno dei confort anche se lo stile rimane rigidamente rustico e tradizionale. Dopo la creazione dell'Enclave delle Vesti Verdi, Giordano si è trasferito con lo studio privato in quella sede e torna in famiglia solo per cena. Presso la residenza vivono una famiglia di Halfling come servitori, i Ludoino. Sono servitori bravissimi e discreti proprio come ama Giordano. I Ludoino sono in 15 e si assomigliano tutti, tanto che un ospite non abituato alla loro presenza farà fatica a distinguerli.

Residenza Opocher
Gli Opocher sono una delle famiglie nobili di Altavalle che da sempre sono considerati il braccio destro del re. Oramai non si contano più quante figlie hanno dato in sposa alla famiglia Tolemei nel corso dei secoli. Questo rapporto dura tutt'oggi anche se non sempre tutti gli Opocher sono degni di tale fiducia. La residenza  circondata da uno steccato, è sobria e tradizionale secondo il gusto della valle ed ospita tre nuclei famigliari. Gli altri membri della famiglia vivono o nel borgo o nelle contrade. I figli maschi fin da piccoli vengono istruiti all'arte della scherma e diventano dei provetti spadaccini. La famiglia cerca spesso a Mezz'estate dei buoni maestri d'arme per istruire i figli all'arte della guerra.

ESPERIMENTO DI IMMERSIONE
Dopo l'iniziale galleggiamento nel 15NE, l'esperimento di immersione è stato il momento più importante che ha vissuto l'isola e che ha coinvolto tutti i cittadini, non senza qualche dubbio o timore.
Questo incredibile risultato è stato reso possibile dalla presenza dell'Enclave delle Vesti Verdi e dagli studi portati avanti dai suoi stregoni/maghi come ampiamente descritto in altri articoli.
L'esperimento arcano è stato diviso in due fasi:
Nel 43 NE si è svolta la prima fase e l'isola di Altavalle è stata completamente circondata da un muro idrorepellente alto 5 metri, mentre l'isola si immergeva parzialmente di 2 metri.
Nel 49 NE si è svolta la seconda fase e l'isola è stata coperta da un muro idrorepellente a forma di cupola, mentre l'isola si immergeva completamente.
Altavalle è divenuta così la prima città isola in grado di immergersi (ma non di spostarsi). Questa soluzione molto utile a fini difensivi purtroppo presenta ancora oggi un grande punto debole. Infatti il periodo di permanenza sul fondo del mare è limitato dal mancato rinnovo dell'ossigeno e dalla fioca presenza della luce solare.

TORNA ALLA DESCRIZIONE DEI REGNI DEL SUD